Zona viticola: Abruzzo

Zone viticole associate Italia Italia Abruzzo Abruzzo
Abruzzo

Abruzzo

Paesaggio viticolo AbruzzoNella zona montana la viticoltura ha avuto origini certe intorno al 1300.
Le fonti storiche di maggiore riferimento, per una zona, sono rappresentate dai catasti del XV secolo, dagli “onciari del XVIII secolo” e dai “catasti napoleonici” dei primi del XIX. In altre zone si fa riferimento agli “statuti aquilani” del Trecento, agli scritti del Razzi del ‘500 e, successivamente, al “saggio itinerario nazionale pel Paese de’ Peligni” del Torcia del 1792. Anche altri documenti storici dimostrano la presenza e l’evoluzione della viticoltura in questo territorio montano. I dati evidenziano una forte variazione delle superfici vitate nel tempo: da poche centinaia di ettari nel 1400, ad alcune migliaia nel 1700, per decrescere gradualmente più tardi con una fortissima contrazione soprattutto negli ultimi due decenni. L’attività viticola ed agricola in generale è stata legata all’andamento demografico dei diversi centri abitativi.

Caratteristiche strutturali

Superficie viticola totale della Regione Abruzzo  per la vite da vino (ha)
36.000
Superficie viticola totale con difficoltà strutturali
(altitudine, forte pendenza, terrazzamenti) (ha)
320,5
Superficie con pendenze > 30% (ha)
20
Superficie ad altitudine > 500 m s.l.m. (ha)
300,5
Superficie terrazzata (ha)
0
Limiti altimetrici dei vigneti (m s.l.m.)
Fino a circa 800 m.s.l.m.
Distribuzione dei vigneti con difficoltà strutturali sul territorio
Zone pedemontane e montane della provincia di L’Aquila e, molto marginalmente, delle province di Chieti, Pescara e Teramo
(Dati aggiornati al 2006)


Ripartizione della superficie

Le aziende hanno piccole dimensioni, infatti il 70% ha una dimensione inferiore a 0,5 ha. Il 50% della superficie è rappresentato da questa realtà. Il 25% delle aziende ha un’estensione compresa tra i 0,5 ha ed i 3 ha e tale dimensione rappresenta il 20% della superficie. Solo il 5% ha raggiunge aree superiori ai 3 ha; questa condizione rappresenta il 30% della superficie.

Paesaggio viticolo

Il territorio è compreso in parte nel Parco Nazionale della Maiella, in parte nel Parco Nazionale del Gran Sasso e in parte (Valle Subequana) nel Parco Regionale Velino-Sirente.
I vigneti sono generalmente specializzati, i più vecchi sono associati ai frutteti (melo, pero, ecc.). Le aree in pendenza sono lavorate a rittochino, raramente si trovano terrazzamenti o ampi gradoni. I vigneti sono in parte in prossimità dei paesi, altri sparsi.
Gli edifici rurali e le cantine sono situati nei centri abitati; vicino ai vigneti si trovano solo piccoli vecchi ricoveri. Generalmente i vigneti sono serviti di viabilità rurale brecciata o in terra soda, comunque percorribili almeno dai mezzi agricoli.

Principali vitigni

I vitigni a bacca bianca sono:
  • Trebbiano
  • Passerina
  • Malvasia
  • Moscato
  • Chardonnay
  • Pecorino
I vitigni a bacca rossa sono:
  • Montepulciano