Le attività del Centro

Cliccare sul titolo della News per leggerla nel dettaglio

Sottoscritto il Manifesto della viticoltura eroica

il Manifesto che valorizza il lavoro dei vignaioli estremi e difende ambiente e biodiversità
Un Manifesto per dare ancora più forza alla viticoltura eroica, con i principi ed i valori di cui questa pratica agricola ed i vignaioli che operano in montagna, in forte pendenza e nelle piccole isole sono portatori.
 
E’ il “Manifesto della viticoltura eroica” redatto dal Cervim sottoscritto nelle settimane scorse in occasione di Vins Extrêmes e che sarà protagonista e condiviso per l’intero 2020 in occasione degli eventi e delle manifestazioni enologiche.
 
«Il Manifesto della viticoltura eroica – sottolinea il presidente Cevim Roberto Gaudio – rappresenta una sintesi propositiva di cosa siano i vigneti estremi ed il lavoro quotidiano dei vignaioli, a vantaggio di ambiente, paesaggio e biodiversità. Un Manifesto che è anche un impegno che il mondo del vino si è preso per promuovere questa tipologia di viticoltura e che sarà firmato e condiviso da enti, consorzi di tutela, singoli produttori e associazioni del vino, mondo della ricerca e professionisti».
 
“MANIFESTO DELLA VITICOLTURA EROICA”

La viticoltura eroica è una straordinaria espressione della capacità dell’uomo di dare un futuro sostenibile a persone che operano in territori geografici peculiari e difficili

I vigneti eroici rappresentano un monumento al lavoro dell’uomo e alla conservazione del territorio e devono essere tutelati anche per il loro interesse storico, culturale e soprattutto paesaggistico.
 
La viticoltura eroica svolge un ruolo fondamentale per la conservazione dell’ambiente in aree delicate e fragili, preservandolo dall’abbandono e dalle aggressioni del cambiamento climatico.
 
Le viti, coltivate in zone eroiche, crescono in ambienti vocati e sono conservatrici di biodiversità varietale, da esse si ottengono vini originali e di elevata qualità organolettica.

La coltivazione delle viti nelle aree eroiche è un’attività fondamentale per il mantenimento dell’agricoltura e della presenza dell’uomo in siti con difficoltà strutturali permanenti, oltre che per un corretto rapporto fra le diverse attività produttive a beneficio dell’economia circolare.
 
La viticoltura eroica con i suoi paesaggi unici rappresenta un valore aggiunto a vantaggio anche del turismo e delle attività ad esso collegate.
 
La viticoltura eroica deve trovare adeguati riconoscimenti nel quadro di una politica coerente e complessiva in favore dei suoi territori e del loro sviluppo sostenibile.
 
La produzione dei vini eroici e più onerosa che in altri ambienti. Sul mercato la loro origine deve essere chiaramente riconoscibile e valorizzata attraverso l’utilizzo dell’apposito marchio “CERVIM – Viticoltura Eroica” così da garantire sia la giusta remunerazione al produttore sia la riconoscibilità al consumatore.
 
I territori interessati dalla viticoltura eroica dovranno avere gli adeguati riconoscimenti internazionali, UNESCO e FAO, oltre a quelli nazionali.
 
Al fine della tutela e promozione della viticoltura eroica l’Istituzione di riferimento a livello internazionale è il CERVIM.
 

manifesto
manifesto
foto
foto
05.12.2012

Vigneti: per le ristrutturazioni più risorse alla viticoltura di montagna

Ancora più risorse per la viticoltura eroica contributi fino a 22.000 euro a ettaro Leggi
20.09.2012

Il CERVIM al Salon des Vins Suisses VINEA

Sierre 31 agosto 2 settembre 2012 Leggi
16.11.2011

PROFONDAMENTE EROICO 2011

Il primo gemellaggio-concorso tra una grotta e un vino eroico prodotto in un'area carsica italiana Leggi
20.10.2011

NUOVA SEDE PER IL CERVIM

dal 25 ottobre la nuova sede del CERVIM si è spostata ad Aymavilles/Ao Leggi
04.08.2011

Ci ha lasciato un grande amico

Francesco Arrigoni se n'è andato a soli 52 anni. Leggi