14.04.2011

La viticoltura eroica diventa ufficialmente marchio registrato

MarchioHa riscosso grande interesse la presentazione del marchio CERVIM – Viticoltura eroica che si  è tenuta giovedì 7 aprile durante la giornata inaugurale del Vinitaly di Verona.
La “Viticoltura eroica”, così definita per le particolari condizioni ambientali e di lavoro che comporta, diventa ufficialmente marchio registrato.
Oltre 80 partecipanti hanno seguito con attenzione Roberto Gaudio, Presidente CERVIM e i membri  del Comitato Tecnico-Scientifico del CERVIM, i professori Osvaldo Failla e Michele Fino, durante l' illustrazione delle finalità e delle modalità di utilizzo del marchio.
Il marchio ha come intento quello di identificare la viticoltura di montagna e/o in forte pendenza e delle piccole isole (viticoltura eroica appunto), in modo chiaro e tangibile, consentendo di valorizzare la tipicità, di incentivare l’imprenditoria locale a produrre considerando tecniche e modalità compatibili con il rispetto delle tradizioni e dell’ecosistema territoriale.
Nelle parole di Roberto Gaudio traspare soddisfazione e entusiasmo. Per Gaudio: “il marchio collettivo permetterà finalmente di riconoscere i prodotti della viticoltura eroica che si identificano nel CERVIM.”
Testimonial d'eccezione l'antropologo e Past President del Club Alpino Italiano Annibale Salsa che nel suo intervento conclusivo si è soffermato sull'importanza del lavoro della terra e dunque anche della coltivazione della vite in montagna, presidio fondamentale contro l'entropia che altrimenti colpirebbe senza alcun scampo le Terre Alte.
Alla presentazione hanno partecipato, oltre a produttori e funzionari regionali, tecnici di settore anche l'Assessore all'Agricoltura della Regione Lombardia, Giulio De Capitani;; il dott. Giuseppe Vadalà, Primo dirigente T.S.F.P. Nucleo agroalimentare e forestale del Corpo Forestale dello Stato;  Andrea Sisti, Presidente del Consiglio Nazionale dei dottori agonomi e dottori forestali;  Federico Castelluci, Direttore Generale OIV; Claudio Galletti, Presidente Enoteca Italiana; il Tenente Marco Uguzzoni, Comandante Nucleo Antifrodi Carabinieri Parma Dario Cartabellotta Direttore dell'Istituto Vite e Vino Sicilia; Gerardo Beneyton, Presidente di Caseus Montanus, nonché molti produttori rappresentanti della viticoltura eroica, che finalmente avranno a disposizione uno strumento che permetterà loro di identificare i loro prodotti.

ALLEGATIaLLEGATI